24/07/2018

1+28


Le Giornate degli Autori, il Lux Film Prize del Parlamento europeo ed Europa Cinemas, in collaborazione con Cineuropa, tornano a unire le loro forze per la IX edizione del progetto 28 Times Cinema che porta al Festival di Venezia ventotto cinefili dai rispettivi paesi dell'Unione europea.
Quattordici ragazze, una persona non binaria e tredici ragazzi, in età compresa tra i 18 e i 25 anni, formeranno la giuria del GdA Director's Award che giunge quest'anno alla sua V edizione e che consiste in € 20mila da ripartire tra il/la regista e il distributore internazionale del film vincitore.

«In questi nove anni - dice il Delegato delle Giornate, Giorgio Gosetti - abbiamo costruito una autentica rete di passioni, competenze, vitalità giovanile che è, per noi, il senso stesso della cultura europea. L'eccezionale creatività e professionalità dei giovani giurati di quest'anno, sommati alla qualità e alla riconoscibilità internazionale del Presidente (finalmente un italiano) e alla competenza generosa del coordinatore della giuria, Karel Och, garantiscono il risultato di quest'edizione».
I partecipanti di 28 Times Cinema sono stati selezionati tra gli spettatori più assidui delle sale cinematografiche del circuito Europa Cinemas e, oltre a svolgere la loro funzione di giurati, parteciperanno durante il Festival a numerose masterclass e laboratori per loro ideati e condotti da professionisti di diversi settori: dalla critica cinematografica, alla progettazione di festival e rassegne, al mondo delle piattaforme VoD, passando per l'adattamento linguistico delle opere cinematografiche, i ragazzi avranno l'opportunità di osservare da vicino il mondo dell'Industry e il dietro le quinte del Festival più antico del mondo. I 28 giurati seguiranno anche le proiezioni e gli incontri del Premio Lux per prepararsi a svolgere successivamente il loro ruolo di "ambasciatori" dei tre finalisti in occasione delle proiezioni dei Lux Film Days nei propri paesi.

A guidare la giuria sarà per la prima volta un regista italiano, Jonas Carpignano, considerato una delle rivelazioni degli ultimi anni e candidato italiano all'Oscar con A Ciambra (2017), presentato alla Quinzaine des Réalisateurs di Cannes due anni dopo Mediterranea (2015), il suo film di esordio.

«Ho avuto il piacere conoscere il progetto 28 Times Cinema nel 2015 durante un dibattito alla Villa degli Autori. Sono rimasto colpito dall'energia, l'entusiasmo e l'intelligenza dei ragazzi. Adesso, tre anni dopo, sono ancora in contatto con alcuni di loro. Sono molto contento che Giorgio Gosetti mi abbia chiesto di far parte della giuria. Come presidente della giuria avrò occasione di scoprire nuovi film e di conoscere ventotto ragazzi appassionati di cinema. Non vedo l'ora».

Le discussioni della giuria saranno moderate da Karel Och, direttore artistico del Festival di Karlovy Vary che collabora con le Giornate come "Tutor" speciale della giuria fin dalla prima edizione del Premio nel 2014. Come da tradizione l'ultimo incontro della giuria si terrà alla Villa degli Autori a porte aperte e verrà trasmesso in live streaming per condividere con il pubblico e con gli autori delle Giornate l'emozione del verdetto.