10/09/2017

I numeri e gli ospiti d’eccezione


La quattordicesima edizione delle Giornate degli Autori si chiude con i premi consegnati ieri sera durante la cerimonia alla Villa degli Autori e con la proiezione di oggi di Candelaria, l'ultimo film in programma nella selezione ufficiale, che porta a casa (tra la Colombia e Cuba) il GdA Director's Award.

Si spengono i riflettori su una edizione fortunata, piena d'emozioni che arrivano innanzitutto dai film e poi dagli eventi, incontri e ospiti che hanno reso speciale le Giornate 2017.

29 film, tra lungometraggi in concorso (12), documentari fuori concorso, eventi e proiezioni speciali. 9136 presenze in sala per incontrare gli autori e scoprire le loro ultime opere.

Oltre ai registi e attori che hanno presentato i loro film e scelto la Villa per gli incontri con la stampa, sono stati tanti gli ospiti prestigiosi che hanno frequentato proiezioni ed eventi delle Giornate: diciotto. In ordine sparso: Robert Guédiguian, Ariane Ascaride, Saverio Costanzo, Abel Ferrara, Alba Rohrwacher, Milena Mancini, Elia Suleiman e Daniele Vicari che è stato il primo ospite d'eccezione, in qualità di giurato del Premio BookCiak in pre-apertura delle Giornate. E ancora: John Landis, che a Venezia ha fatto rivivere il mito di Michael Jackson; Sofia Djama, la regista algerina che nel concorso di Orizzonti ha presentato Le bienheureux; Paola Turci, giurata del premio collaterale della Mostra Soundtrack Stars Award; i Manetti Bros, in concorso a Venezia 74. per il Leone d'Oro con Ammore e malavita; lo showrunner Hagai Levi (sceneggiatore di In Treatment) arrivato alle Giornate grazie ai 100autori per parlare di diritto d'autore; Tsai Ming-liang che ha scelto la Villa per presentare la sua Virtual Reality con il making-of del film The Deserted.

Non di meno, Vikas Khanna, il cuoco indiano stellato ViaMichelin che ha offerto agli ospiti delle Giornate 20 tipi diversi di assaggi della sua cucina per festeggiare la presentazione del documentario Buried Seeds che lo vede protagonista.

E quando il cibo chiama, brindisi risponde: trecentosessanta bottiglie di prosecco stappate, 240 bottiglie di vino, 720 bottigliette di birra in 11 giorni di celebrazioni. Oltre 3000 sono stati i caffè serviti agli ospiti e al pubblico della Villa e tremila 250 le bottiglie d'acqua. 4415 sono le foto scattate dai 2 fotografi delle Giornate (una selezione di 230 scatti è visibile nella foto gallery del sito delle Giornate).

28 sono i protagonisti dei film (tra registi e attori) che hanno giocato con noi e volato verso l'altrove del cinema imitando l'immagine di questa edizione numero 14. L'anno prossimo saranno almeno 15 le buone ragioni per tornare alle Giornate degli Autori.