Selezione Ufficiale

Les tombeaux sans noms

di Rithy Panh
Francia, Cambogia, 2018, 115', colore, DCP
Sceneggiatura
Rithy Panh, Agnès Sénémaud
Mercoledì 29 Agosto 2018
14:00 Sala Perla Pubblico, tutti gli Accrediti
Segue incontro con il pubblico
 
Lunedì 03 Settembre 2018
11:30 Sala Perla Pubblico, tutti gli Accrediti
 

Film d'apertura

sceneggiatura
Rithy Panh
con Agnès Sénémaud
fotografia
Rithy Panh
Prum Mésar

montaggio
Rithy Panh
musica
Marc Marder
suono
Eric Tisserand
Vann Sereyrathanan
Julien Ngo Trong

voce
Randal Douc

produzioni
CDP
Anupheap Production
ARTE France
Unité Société et Culture
produttore
Catherine Dussart

vendite internazionali
Playtime
contatto

Dopo L'immagine mancante ed Exile, Rithy Panh continua il suo percorso di ricerca personale e spirituale. S21 - La macchina di morte dei Khmer Rossi e Duch, le maître des forges de l'enfer analizzavano i meccanismi del crimine. Les tombeaux sans noms è l'espressione del bisogno di ritrovare la pace. Quando un uomo, che a tredici anni ha perso quasi tutta la sua famiglia sotto il regime dei Khmer rossi, va alla ricerca delle tombe dei suoi familiari, non importa se su un terreno d'argilla o puramente spirituale, cosa trova? E soprattutto, cosa sta cercando? Alberi spettrali? Villaggi ormai irriconoscibili? Testimoni tanto spaventati da non voler parlare? Il tocco etereo del corpo di un fratello o di una sorella al calare della notte? Un film che va ben oltre la storia di un singolo Paese assumendo una dimensione universale.

 

Filmografia

2018 Les tombeaux sans noms
(Graves Without a Name, doc)
2016 Exil (doc)
2013 L'image manquante
(The Missing Picture, doc)
2011 Gibier d'élevage
2010 Duch, le maître des forges de l'enfer
(Master of the Forges of Hell, doc)
2008 Un barrage contre le Pacifique
(The Sea Wall)
2006 Le papier ne peut pas envelopper la braise
(Paper Cannot Wrap Ember, doc)
2005 Les artistes du Théātre Brūlé
(The Burnt Theater, doc)
2003 Les gens d'Angkor
(The People of Angkor, doc)
2002 S 21, La machine de mort Khmère Rouge
(S21: The Khmer Rouge Death Machine, doc)
2000 Que la barque se brise,
que la jonque s'entrouvre
2000 La terre des āmes errantes
(The Land of the Wandering Souls, doc)
1997 Un soir après la guerre
(One Evening After the War)
1996 Bophana, une tragédie cambodgienne (doc)
1994 Neak sre, les gens de la rizière
(Rice People)
1992 Cambodge, entre guerre et paix
1989 Site 2 (doc)

Rithy Panh (Phnom Penh, Cambogia, 1964) dopo la deportazione avvenuta nel 1975, è costretto ai lavori forzati nei campi dei Khmer rossi. Mentre molti dei suoi famigliari e amici non sopravvivono al genocidio, lui dopo quattro anni riesce a fuggire e a raggiungere il campo profughi a Mairut, in Thailandia. Nel 1980 arriva in Francia, e a Parigi studia e si laurea presso l'IDHEC (Institut des hautes études cinématographiques). Dal 1989, anno in cui dirige Site 2, realizza numerosi documentari e film a soggetto, molti dei quali lo spingono a ritornare in Cambogia per una lunga elaborazione e riflessione su quanto accaduto in patria. Tra i suoi film, La terre des āmes errantes (miglior film al Cinéma du Réel), S 21, La machine de mort Khmère Rouge (François Chalais Award a Cannes), L'image manquante (miglior film Un Certain Regard). È il fondatore e direttore del Bophana Audiovisual Resource Center in Cambogia, che mira a preservare la storia del cinema e della fotografia cambogiana, oltre che a produrre nuovi film.


Indietro  |   Download Presskit  |   Condividi su